Shiatsu

Lo Shiatsu è una tecnica utile a ripristinare l’equilibrio energetico di un soggetto.

762px-Chinese_meridians

Rispetto ad altre tecniche energetiche che utilizzano le mani, la sua particolarità è dovuta alle pressioni statiche che vanno a stimolare e ad attivare l’energia profonda dell’individuo.
La pressione è profonda perché viene fatta attraverso il contatto fisico,dove le mani agiscono da sensori che si muovono dall’operatore al paziente,in una comunicazione continua e silenziosa dove la percezione si sostituisce al pensiero razionale.
I nostri organi di senso ci permettono,in tutto l’arco della vita,di collegarci al mondo esterno.
É importante prendere atto che i nostri sensi possono non solo aprirsi verso l’esterno per “sentire ” il mondo, ma anche verso l’interno: perciò quando esiste un problema di contatto verso gli altri,esiste anche un problema di contatto verso noi stessi.
Chi lavora con lo Shiatsu si educa e si apre agli aspetti più ricchi e profondi evocati dal contatto con un altro essere umano.

Shiatsu significa pressione con le dita o con il pollice e rientra fra le svariate tecniche di cura non tradizionale che vengono definite “Naturali” come l’Agopuntura, l’Erboristeria, la Moxabustione e l’uso del cibo a scopo medicinale.

La modalità di approccio di questa disciplina di fronte ai disturbi presentati da un paziente parte dalla tradizione olistica, che non si sofferma sul singolo disturbo, ma esamina l’intera persona ed il suo stile di vita, l’alimentazione in primo luogo.

Il terapista Shiatsu non usa strumenti oltre le mani ed opera sul paziente vestito usando pressioni, stiramenti, dondolii e manipolazioni.

Lo Shiatsu agisce sui sistemi originari del corpo e sulle sue funzioni ristabilendo un equilibrio possibile grazie alle risorse inimmaginabili di cui ogni individuo è dotato.

Questa tecnica viene usata quindi a scopo preventivo o di mantenimento di una raggiunta condizione di stabilità.

I presupposti prendono le mosse dal concetto per il quale il nostro corpo è attraversato da un flusso continuo di energia che circola attraverso canali chiamati Meridiani sui quali sono presenti dei Punti o Tsubo, il cui significato è : Punto di Riunione dell’Energia Ciclica Elettromagnetica.

L’uso delle mani nella pressione sul corpo di un’altra persona , deve essere delicata ed effettuata in direzione perpendicolare alla zona trattata, affinchè risulti profonda e possa attivare l’energia dell’individuo. Il contatto con un’ altra persona induce chi lavora, ad affinare la propria sensibilità e capacità di attenzione, in modo che le mani diventino come sensori che esaminano lo stato energetico globale dell’altro. Entrare in contatto con un’altra persona presuppone una conoscenza di sé scevra da sovraccarichi emotivi o tensioni generali, cioè una disponibilità totale che renda il gesto spontaneo , gradevole e rilassante.

A questo proposito,si può parlare di come il rilassamento si rifletta sui meccanismi del Sistema Nervoso che, a loro volta, agiscono sui sistemi energetici e sulle manifestazioni fisiche.

Il sistema parasimpatico fa parte del nostro sistema nervoso autonomo, che aiuta il corpo ad aprirsi e a lasciare fluire l’energia,mentre il ramo ortosimpatico,riguarda soprattutto i diversi stati di tensione. Il nostro corpo possiede meccanismi omeostatici che permettono una continua rettifica dei processi destabilizzanti dell’organismo : quando le condizioni di squilibrio (stress emotivi,inquinamento ambientale,disordini alimentari,ecc..) hanno il sopravvento su queste funzioni di regolarizzazione, il ramo ortosimpatico del sistema nervoso autonomo prende il controllo della situazione e s’instaura una condizione di cronicità che si aggrava nel tempo, procurando segni di evidente disagio nella postura del paziente,sul suo viso,sulla sua espressione generale.

Lo shiatsu costituisce un mezzo naturale ed efficace per riportarci ad un equilibrio energetico generale. L’uso delle mani serve come estensione del nostro cuore,del nostro sentire l’altro come riflesso di noi stessi, con semplicità ed empatia.